fbpx
colori senior living design

L’uso dei colori nel senior living design

Inspīr Carnegie Hill New York Photo © Evan Joseph
Inspīr Carnegie Hill | New York | Photo © Evan Joseph | https://efamagazine.com/projects/photo-tour-inspir-carnegie-hill/

Nel post precedente abbiamo parlato dell’importanza di armonizzare il colore con tutti gli altri elementi del design. Ma lo stesso webinar “Color in Healthcare Environments” offre un altro spunto davvero interessante: la percezione dei colori è modificata anche da alcune caratteristiche dell’osservatore, quali età, capacità visive e salute mentale.

Alcune patologie anche piuttosto comuni tra le persone più anziane, come la cataratta ad esempio, possono compromettere la visuale rendendola annebbiata oppure ingiallita, e modificando di conseguenza anche la percezione dei colori.

L’uso del colore nelle strutture destinate a ospitare una popolazione senior si rivela tuttavia molto utile in particolare:

  1. Se coordinato con uno studio dell’illuminazione degli ambienti: una maggiore luminosità corrisponde a un maggior senso di ampiezza e una luce calda contribuisce a dare un senso di calore allo spazio
  2. Come supporto alla segnaletica: l’uso di colori forti e a contrasto aiuta a definire spazi e limiti (ad esempio porte, angoli, pareti e pavimenti), nonché a definire diversi piani e livelli.

IC4HD tips:

  • La popolazione over 65 ha ormai superato il 16.5% negli USA e il trend è in continua crescita, effetto anche dell’avanzare dell’età dei baby boomers. Si tratta quindi di un target in continua espansione
  • Senior Living ≠ casa di riposo. Sarebbe molto limitante pensare al senior design solamente in termini di forniture per RSA. Le senior living communities negli USA ospitano – e sempre di più andranno a ospitare – persone che scelgono la comodità di un ambiente assistito ma con un design gradevole e un’aria di casa

Italian Contract 4 Hospitality Design organizza la partecipazione delle aziende italiane a Environments For Aging Expo + Conference, l’evento dedicato alle soluzioni di design senior friendly. La prossima edizione si terrà dal 28 al 31 agosto 2021 a Chattanooga, Tennessee. Per maggiori informazioni »

colori healthcare design

L’impatto dei colori sul design per l’healthcare

Montana Children's Hospital (Kalispell, MT) | Photo © Tom Harris | HealthCare Design Magazine
Montana Children's Hospital (Kalispell, MT) | Photo © Tom Harris | HealthCare Design Magazine

Il mix tra Ultimate Gray, stabile nel tempo, e il giallo vibrante di Illuminating esprime un messaggio di positività supportato da grande fortezza. Concreta e salda, ma allo stesso tempo calorosa e ottimistica, questa combinazione di colori trasmette un senso di resilienza e speranza. Abbiamo bisogno di sentirci incoraggiati e risollevati; è qualcosa di essenziale per la mente umana

spiega Leatrice Eiseman, Executive Director del Pantone Color Institute.

Quanto influisce il colore sulle nostre sensazioni? Come afferma anche Pantone riguardo la scelta del Color of the Year 2021, i colori hanno effetti potenti sulla nostra salute psicologica, emotiva e, non da ultimo, fisica. Quanto più possono risentire dell’influenza dei colori le persone che si trovano in strutture sanitarie e che quindi sono più vulnerabili o fragili? Per dare vita a strutture sanitarie che siano accoglienti sia per i pazienti sia per il personale sanitario, un buon design dovrà tenere in considerazione questi aspetti del colore:

  1. Influenza: il colore può condizionare positivamente o negativamente l’ambiente di cura, ad esempio rendendolo meno istituzionale e più accogliente; basti pensare all’uso di tonalità calde per gli ospedali o i reparti pediatrici;
  2. Percezione: ambienti piacevoli, in cui il colore si armonizza all’interno del design, portano il paziente a considerare più alta la qualità delle cure ricevute;
  3. Contesto: i rumori di fondo possono essere “rimodulati” tramite un opportuno uso del colore; tonalità fredde tendono infatti a rilassare e fare quindi percepire meno il sottofondo, al contrario di tonalità calde che aumentano gli stimoli esterni;
  4. Definizione degli spazi: volumi, forme e piani possono essere meglio individuati tramite l’uso di colori contrastanti;
  5. Dimensioni degli ambienti: la percezione dell’ampiezza di uno spazio è condizionata dalla luminosità dei colori utilizzati e dagli effetti di contrasto, ad esempio tra gli oggetti e le pareti.

Questi e altri spunti interessanti sono il focus di “Color in Healthcare Environments”, uno dei webinar proposti nel ricco palinsesto di HealthCare Design Conference Virtual.

IC4HD tips:

  • Osare con colori particolari anche nei prodotti dedicati all’healthcare: un catalogo fatto solo di colori neutri rischia di risultare piatto e poco memorabile
  • Molti studi di interior design negli USA hanno un dipartimento dedicato al comparto healthcare: individuare le giuste figure di riferimento favorisce la specificazione dei prodotti all’interno dei progetti

Italian Contract 4 Hospitality Design mette in contatto le aziende italiane con i professionisti del settore healthcare negli USA, oltre a organizzare la partecipazione a HealthCare Design Expo + Conference. Per maggiori informazioni >>>

2021 hospitality trends

Il settore Hospitality 2021: trend e previsioni

Inutile negare: il 2020 è stato un anno che ha colpito duramente il settore dell’hospitality americano, con impatti severi sia nel mondo dei professionisti (architetti, designer, developer) sia in quello dell’ospitalità (hotel, ristoranti e in genere tutti gli spazi collettivi). Ma l’atteggiamento, seppur di grande prudenza, rimane comunque positivo: un passo alla volta ce la faremo.

A dicembre, quattro professionisti del settore, moderati da Stacy Shoemaker Rauen, Editor in Chief di Hospitality Design Magazine, hanno condiviso le loro visioni e aspettative per il nuovo anno nel Webinar “2021: Forecast”. Nonostante nessuno abbia la sfera di cristallo per sapere esattamente cosa succederà, ci sono alcuni trend che si stanno delineando, eccoli:

  1. Maggiore attenzione a elementi green e naturali. Sia nelle nuove costruzioni, che nelle ristrutturazioni, ci sarà una sempre maggiore attenzione verso la progettazione di spazi verdi e outdoor e all’utilizzo di elementi e materiali naturali e sostenibili.
  2. La persona al centro del progetto: il design dovrà sempre di più tenere conto del benessere delle persone e delle mutate esigenze di spazi e di servizi.
  3. La riconversione degli spazi e nuove destinazioni d’uso per le strutture esistenti, ad esempio da hotel ad apart-hotel; alcune strutture si convertiranno in working-spaces, dove si potrà lavorare da remoto ma lontano da casa. Il focus negli hotel sarà spostato dagli spazi comuni come le lobby e altre general rooms alle “residencial guestrooms“, camere più spaziose magari con alcune facility all’interno come un’area fitness. E tanta, tanta tecnologia.
  4. La riconversione riguarderà anche le cucine degli hotel, studiando come utilizzarle oltre che per i classici 3 pasti al giorno, per esempio effettuando delivery direttamente in camera, o utilizzando le cucine come ghost kitchen.
  5. Infine, per quanto riguarda la pipeline, i progetti che erano già stati avviati ed capitalizzati nel periodo pre-Covid saranno portati a termine. In effetti il numero di camere in fase di costruzione e ristrutturazione è stato più alto nel 2020 rispetto all’anno precedente. Per quanto riguarda l’avvio di nuovi progetti, questo è legato all’andamento dei prossimi mesi.

IC4HD tips:

  • restare in contatto con gli studi di progettazione, facendo conoscere le proprie novità e offrendo supporto in una fase delicata come questa
  • il settore sta rapidamente evolvendo con cambi di poltrone importanti: fondamentale restare sempre aggiornati
  • comunicare, comunicare, comunicare: i propri prodotti, la versatilità, la sostenibilità, lo spirito con cui si sta affrontando questo periodo.

Italian Contract 4 Hospitality Design, oltre ad organizzare la partecipazione a Hospitality Design Expo 2021 delle aziende italiane, dispone di strumenti e contatti per assistere le aziende a entrare e a rimanere in contatto con il mondo dell’ospitalità negli USA e in altre aree del mondo. Per maggiori informazioni: contract@lanariassociates.com

holland america VARASCHIN IC4HD HD EXPO 2019

VARASCHIN

HOLLAND AMERICA

MS KONINGSDAM CRUISE SHIP

Ms Koningsdam is the name of Holland America cruise ship dedicated to Her Majesty Queen Màxima of the Netherlands.

Varaschin has been one of the official suppliers who furnished the outdoor spaces of this impressive ship. Core feature of all furniture is the suitability for the aggressive marine environment: the C5M certification guarantees protection against corrosion by saline mist and chlorine and the cushions are made with 100% acrylic fibre fabrics, waterproof and resistant to UV rays.

Barcode is one of Varaschin’ products supplied for Ms KONINGSDAM.

A collection made of teak, with clean and basic lines; its slats create a “Barcode” effect. The relax lounger similar to a chaise-longue is designed for traditional Finnish sauna or infrared sauna. Ideal for the spa rooms of hotels, holiday cottages and gyms (designed by Alessandro Dubini).

VARASCHIN IC4HD HD EXPO 2019
SLIDE IC4HD HD EXPO 2019

SLIDE

TEMPTATION RESORT AND SPA

SLIDE IC4HD HD EXPO 2019
Temptation Resort and SPA is a futuristic hotel, opened in 2017 in Cancun, Mexico.
The external façade, designed by Karim Rashid, recalls the lines of human body. The whole furnishing, the mix of materials and colors make the entire structure audacious and sensual in order to give customers a unique experience, different from the usual daily routine.
Slide collaborated on the ambitious project providing about fifty Sloth tables, one for each room.
Sloth is a contemporary coffee table made in polyurethane, with a soft design created by Karim Rashid.
The contrast between the rounded lines and the plasticity of the material makes Sloth an unforgettable protagonist of indoor setting.